Coppia di anziani felici alla guida di un'auto su misura

Come scegliere la vettura su misura per gli anziani. Segreti “anti-age”

Q
uando l’età è avanzata scegliere una VETTURA PER VIAGGIARE PIÙ COMODI E SICURI diventa una PRIORITÀ.
L’età media della popolazione è da tempo in crescita costante. Così, di pari passo, aumenta anche il numero degli anziani che fanno regolarmente USO DELLA PROPRIA AUTO. In questo articolo facciamo il punto sulle caratteristiche e sui DISPOSITIVI E ACCESSORI che, nelle vetture di ultima generazione, possono contribuire in maniera importante a rendere la GUIDA PIÙ FACILE, confortevole e soprattutto sicura proprio agli automobilisti più in là con gli anni.

Certo, nessun modello è studiato espressamente per loro, tuttavia la ricchezza dell’offerta delle case automobilistiche viene in soccorso, a partire dalla tipologia di auto: in una crossover o in un suv, l’altezza da terra agevola l’accesso a bordo e la visibilità a differenza di una normale berlina o station wagon. E sono sempre più numerosi i dispositivi tecnologici che, oltre a rendere la vettura più comoda e sicura, riducono l’affaticamento nei lunghi trasferimenti.

Abbiamo raggruppato in quattro categorie (comfort, guida, sicurezza e praticità) quelli più indicati per chi deve fare i conti con difficoltà di concentrazione, riduzione dei riflessi, problemi alla vista o tendenza ad affaticarsi. Senza trascurare anche altri aspetti, non meno importanti per qualunque guidatore con qualche primavera in più sulle spalle.

COMFORT

Per non stancarsi troppo nella guida, è di fondamentale importanza che la seduta sia alta, soprattutto se si soffre di dolori alla schiena. Indispensabile una poltrona ben sagomata e ampiamente regolabile, oltre alle sospensioni che devono essere molto efficienti nel filtrare le asperità della strada. Per esempio degli ammortizzatori con fine corsa idraulico, rendono più progressivo l’assorbimento delle buche.

Molto utile optare per la registrazione elettrica del sedile che consente di regolarlo in maniera precisa e senza fatica. Controllate che ci siano anche il supporto lombare e la memoria, che reimposta la posizione più comoda e funzionale.

GUIDA

Nella scelta dell’auto, è consigliabile indirizzarsi verso modelli maneggevoli e non troppo ingombranti, ma con interni ampi, superfici vetrate estese e montanti del tetto sottili, che assicurino la migliore visibilità. Tra gli accessori, privilegiare quelli che semplificano la guida, come cambio automatico, GPS e Cruise Control. Quest’ultimo, nei lunghi viaggi in autostrada, permette di impostare la velocità preferita. Quello adattivo mantiene costante la distanza dall’auto che precede: stress e difficoltà diminuiscono.

Addio distrazioni con l’head-up display, un dispositivo che proietta sul parabrezza di fronte al guidatore, le indicazioni del navigatore, limitando le distrazioni. Ancor più se utilizza le frecce virtuali in realtà aumentata.

Sempre più diffusi gli abbaglianti automatici: si spengono o abbassano il loro fascio luminoso in presenza di altri veicoli. A prova di smemorati.

SICUREZZA

La moderna tecnologia può semplificare manovre che un tempo richiedevano maggiore attenzione. Ma svolge anche un insostituibile ruolo di prevenzione, consentendo alla vettura d’intervenire in autonomia quando il guidatore non reagisce con sufficiente prontezza nelle situazioni d’emergenza.

Oggi è l’auto stessa a frenare, a parcheggiare o a mantenersi da sola al centro della corsia: un bell’aiuto per chi, con l’età, teme cali di concentrazione o minore prontezza di riflessi.

Uno dei più diffusi sistemi di ausilio alla guida è la frenata automatica d’emergenza: non sempre si hanno i riflessi pronti per “inchiodare” se un bimbo attraversa la strada all’improvviso.

Anche una spia luminosa che lampeggia nello specchietto è utile per avere un “occhio” in più. Questa spia segnala che un veicolo ci sta per superare: il monitoraggio dell’angolo cieco riduce sensibilmente i rischi di collisione.

Manovre più sicure con l’ausilio dei sensori di distanza e della telecamera posteriore: essi facilitano il parcheggio a chi fatica a voltarsi all’indietro. E il dispositivo che, nella retromarcia, vede i veicoli in arrivo e attiva i freni, aumenta ancor di più la sicurezza.

PRATICITÁ

Con l’avanzare degli anni, anche le manovre più frequenti possono rivelarsi scomode. Un ampio angolo d’apertura delle porte ed un tetto alto anche nella parte posteriore permettono di entrare e uscire dall’abitacolo con minore fatica. E un motorino elettrico evita lo sforzo di dover sollevare a mano il portellone, oppure se si hanno le mani impegnate con i sacchetti della spesa ad esempio. Comandato premendo semplicemente un pulsante inserito nella chiave o addirittura con un semplice gesto della gamba in direzione di un sensore che rileva il movimento.

E se si ha la necessità di caricare spesso bagagli? Nessun problema, la valigia “fila” liscia. Infatti, il fondo del baule all’altezza della soglia agevola caricare e scaricare i bagagli: senza alcun dislivello, le valigie scorrono più facilmente.